L’eredità culturale della penisola tingitana: la ricchezza della diversità

Il patrimonio culturale della penisola tingitana, ponte tra due continenti e tra due mari, si è formato dall’incontro tra genti diverse che gli hanno conferito tratti originali.
Questa regione custodisce un’eredità culturale cospicua e vasta, le cui testimonianze sono ben riconoscibili nella fisionomia e nelle caratteristiche architettoniche degli abitati, tra le pieghe dei paesaggi rurali, nelle espressioni dell’arte e dell’artigianato, nella musica e nella poesia.
Dalla più remota Preistoria fino a oggi un susseguirsi ininterrotto di civiltà e di saperi ha dato vita infatti a manifestazioni culturali peculiari e diverse, che rappresentano una grande ricchezza della penisola tingitana.

Tingi / Tangeri nella tarda antichità
Tingi è l’unico grande centro urbano dalla fine del III secolo, anche a causa delle funzioni legate al suo stato di capitale della nuova provincia e del fatto che vi risiedeva l’aristocrazia. I dati...

Le città all'epoca dei Protettorati
Tètouan. Scorcio della città.
L’ensanche è un’area periurbana destinata ad una urbanizzazione pianificata; nel Protettorato nuovi insediamenti si svilupparono secondo un tracciato regolare pianificato, mentre nelle città già...

L'architettura sotto gli Alawiti
Gli Alawiti sono una dinastia di grandi costruttori ed hanno favorito l’innovazione nel solco della tradizione sia nell’architettura che nella decorazione degli edifici. Nella penisola tingitana i...

Metrouna
Questo sito, individuato nel corso delle ricerche per realizzare la Carta archeologica del nord del Marocco, è situato sulla riva destra dell’Oued Martil, in prossimità della foce, a 500 m a NW da...

Tingi nel periodo mauretano
Le tracce più antiche dell’abitato risalgono al II s. a.C., quando Tingi è capitale di un regno mauro indipendente. In questo periodo la città batte monete con legenda in neopunico; le prime...

La qasba di Chefchaouen
Chefchaouen. La qasba
La fortezza, edificata nella seconda metà del XV secolo, è il nucleo da cui si sviluppò la medina; oggetto di radicali restauri in anni recenti, ospita attualmente il museo etnografico ed alcuni...