La Sardegna cristiana in età tardo-antica

TitreLa Sardegna cristiana in età tardo-antica
Type de publicationJournal Article
Nouvelles publications2003
AuteursMastino A
JournalDiritto @ storia
Année de publicationMarch
Mots cléset? tardo-antica, Eusebio, Lucifero, Martiri, Sardegna cristiana
Résumé

L?articolo affronta in modo originale lo sviluppo del cristianesimo nell'isola fino all'et? di Gregorio Magno, alla luce delle novit? emerse con gli ultimi studi sulle fonti letterarie, le iscrizioni, le indagini archeologiche svolte in tutta l'isola. Dopo un secolo di eccessive cautele, una nuova generazione di studiosi si ? positivamente interessata alle grandi scoperte epigrafiche del Seicento: una consistente quantit? di documenti, oltre 400 epigrafi paleocristiane, che il Mommsen aveva giudicato incautamente ?di fabbrica fratesca?, pu? essere dunque oggi parzialmente recuperata e portata all'attenzione degli studiosi. Con questo lavoro si tenta di dimostrare che il messaggio cristiano fu introdotto in Sardegna relativamente tardi, soprattutto nelle citt? portuali, mentre le zone interne della Barbaria conservarono consuetudini religiose pagane ancora nell?et? di Gregorio Magno in piena et? bizantina. L?organizzazione ecclestiastica diocesana pare geograficamente ricalcata sul flaminato imperiale, mentre i martiri sembrano estranei alla realt? culturale isolana, come se il cristianesimo fosse stato introdotto prevalentemente dall?esterno. Un contributo specifico ? stato dato dai vescovi africani esiliati in et? vandala.

URLhttp://eprints.uniss.it/48/