Il sarcofago a stagioni di Septem Fratres/Ceuta

Nel museo della Basílica tardorromana de Ceuta si conserva un sarcofago in marmo bianco mancante di tutta la parte superiore, rinvenuto nel 1962 a Plaza de la Constitución. È l’unico di questo tipo sinora noto nella Mauretania Tingitana: si tratta di un sarcofago “a vasca, ricavato in un unico blocco di marmo, con i lati brevi curvi. Un foro nella parte posteriore indica che il sarcofago fu reimpiegato come vasca di fontana. La decorazione a rilievo può essere ricostruita sulla base di confronti: al centro sono due Vittorie alate che sorreggono il/i busto/i del/dei defunto/i entro una cornice circolare o una conchiglia, al di sotto della quale è raffigurata Venere al bagno. Ai lati delle Vittorie si dispongono le personificazioni (Genii) delle stagioni, raffigurati come fanciulli e caratterizzati da attributi (spighe per l’estate, uva per l’autunno etc.). Sulla base di confronti il sarcofago può essere datato intorno al 285-290.