Ceuta in età punica

Le testimonianze di età punica a Ceuta sono piuttosto scarse: alcune anfore sono venute in luce nei recenti scavi condotti presso la Cattedrale e altre, databili tra il V e il III s. a.C., sono state rinvenute in mare. Più che una presenza punica a Ceuta, esse testimoniano l’esistenza di un intenso traffico marittimo documentato peraltro anche nei periodi seguenti. La prevalenza di contenitori di produzione occidentale (penisola iberica meridionale o costa atlantica del Marocco) indica inoltre l’inserimento di Ceuta nel circuito commerciale del Circolo dello Stretto.

Le anfore da trasporto provengono principalmente dall’insenatura del Benzù, protetta dai venti, dove sono state individuate tracce di un relitto (quello della Ballenera) che trasportava anfore di IV-III s. a.C.