Le case tradizionali di Tétouan

Le case della medina di Tétouan sono per lo più ben conservate per la costante cura dei primi proprietari e dei loro discendenti; alcune sono state restaurate nel quadro del programma di riabilitazione del complesso, inserito nella lista del Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, a cura della Junta de Andalucía. La casa tradizionale di Tétouan si sviluppa di solito su due piani ed è una struttura chiusa, che all’esterno è di grande semplicità: la porta è l’unico elemento che ne anima la facciata. L’interno è invece articolato e di solito riccamente decorato; tre sono gli elementi che compongono la casa urbana: un vestibolo a gomito diviso in due o tre sezioni separate da una porta, la prima delle quali è destinata ad accogliere i visitatori; una corte centrale con o senza portico e talvolta un giardino; vari ambienti che su di essa si affacciano: due o tre stanze chiuse, un salone aperto, la cucina e i servizi. Le stanze possono essere di vario tipo: rettangolari con alcova, quadrangolari con anticamera, rettangolari con due alcove. Le camere da letto si trovano al piano superiore; nelle case più antiche (XVII s.) questo poggia su un portico ad arcate sorrette da pilastri e colonne, nelle altre su travature in ferro. Nelle dimore più ricche abbondano le decorazioni a zellij dei pilastri della corte, dei pavimenti e delle parti basse delle pareti; le arcate del portico possono essere polilobate e le porte sono in legno scolpito e dipinto; non mancano infine gli stucchi nelle parti alte delle pareti. Le decorazioni in metallo delle porte esterne sono costituite da disegni geometrici eseguiti con chiodi metallici a testa emisferica; un contrassegno-simbolo sta ad indicare la provenienza geografica o lo stato sociale dei proprietari. L’acqua potabile giungeva nelle case mediante un ingegnoso sistema di canalizzazioni progettato dallo stesso Ali Al Mandhri, che costruì l’abitato su una linea di sorgenti; questa rete riforniva anche fontane e bagni pubblici, moschee e altri edifici e di essa erano a conoscenza solamente il governatore e l’ingegnere principale della città.