L’eredità culturale della penisola tingitana: la ricchezza della diversità

Il patrimonio culturale della penisola tingitana, ponte tra due continenti e tra due mari, si è formato dall’incontro tra genti diverse che gli hanno conferito tratti originali.
Questa regione custodisce un’eredità culturale cospicua e vasta, le cui testimonianze sono ben riconoscibili nella fisionomia e nelle caratteristiche architettoniche degli abitati, tra le pieghe dei paesaggi rurali, nelle espressioni dell’arte e dell’artigianato, nella musica e nella poesia.
Dalla più remota Preistoria fino a oggi un susseguirsi ininterrotto di civiltà e di saperi ha dato vita infatti a manifestazioni culturali peculiari e diverse, che rappresentano una grande ricchezza della penisola tingitana.

Le città sotto gli Almohadi
Qsar El Kebir (lett. il grande castello, la grande fortezza) corrisponderebbe alla colonia romana di Oppidum Novum. Il centro, fondato agli inizi dell’XI secolo, fu una tappa importante nell’...

Tangeri all'epoca dei Protettorati
Contrariamente a quanto avveniva nelle città della Zona spagnola, lo sviluppo urbanistico di Tangeri fu spontaneo: non si può parlare, per questa città, di un vero e proprio ensanche; all’epoca del...

Sidi Abdeslam del Behar
Di questo insediamento, situato presso la foce dell’Oued Martil, si conserva solo una porzione nei pressi di un marabut e del cimitero circostante, in quanto una buona parte è costantemente...

La qasba di Chefchaouen
Chefchaouen. La qasba
La fortezza, edificata nella seconda metà del XV secolo, è il nucleo da cui si sviluppò la medina; oggetto di radicali restauri in anni recenti, ospita attualmente il museo etnografico ed alcuni...

La zawiya di Sidi Ali Baraka a Tétouan
La zawiya che ospita la tomba dello scrittore e dotto Sidi Ali Baraka risale agli inizi del XVIII secolo. L’ingresso, che risente di influssi ascrivibili forse alla corte di Meknès, è coronato da un...

L'artigianato artistico nei...
Tangeri. Necropoli di Aïn Dalhia Kebira, uovo di struzzo.
Una delle attività con cui i Fenici, prima, e i Cartaginesi, poi, mostrano la loro abilità è l’artigianato artistico. Oggetti, per lo più pregiati, di piccole dimensioni (gioielli, amuleti, uova di...