Il Cap Bon: un intreccio di storia e culture mediterranee

Per la posizione rivolta verso il Mediterraneo, la penisola del Cap Bon è stata una regione particolarmente aperta a contatti e scambi, benché allo stesso tempo esposta ad attacchi e incursioni. Nota agli scrittori antichi per la sua prosperità, essa ha infatti attratto, nel corso dei secoli, non solo naviganti e mercanti, ma anche invasori e colonizzatori provenienti da Oriente e da Occidente.

A partire dalle testimonianze più remote della Preistoria il Cap Bon, come la Tunisia, ha vissuto una storia lunga e intensa, a cui hanno partecipato diversi protagonisti: Punici, Romani, Arabi, Turchi, Spagnoli, Francesi; una storia in cui s’intrecciano l’elemento locale, berbero, e le civiltà avvicendatesi in questa terra di collegamento tra Africa ed Europa e tra Mediterraneo occidentale e Mediterraneo orientale.

Il periodo vandalo
All’inizio del V secolo le autorità romane non sono più in grado di controllare l’Africa del nord: le difficoltà economiche e sociali unite ai...
La riconquista bizantina (533-698)
In questo contesto, approfittando della debolezza del regno dei Vandali e usando come pretesto la deposizione illegale di Ilderico (figlio di...
Il periodo ottomano
Agli inizi del XVI secolo la Tunisia, come il resto dell’Ifriqiya, fu segnata da una profonda crisi e da un’instabilità a causa di vari fattori: la...
Epoca del Protettorato francese
La storia contemporanea della Tunisia è segnata dalle lotte che il movimento riformista, poco prima del Protettorato fancese, e quello nazionalista,...
Islamizzazione
Dal 647 gli Arabi, dopo aver conquistato l’Egitto, iniziarono le incursioni nell'Africa bizantina. Nel 670 fondarono la città di Qayrawan (Kairouan,...
Preistoria e Protostoria
  Nelle regioni del Nord Africa è stato possibile ricostruire la sequenza delle culture preistoriche nelle sue linee generali. Per quanto...