Il Cap Bon: un intreccio di storia e culture mediterranee

Per la posizione rivolta verso il Mediterraneo, la penisola del Cap Bon è stata una regione particolarmente aperta a contatti e scambi, benché allo stesso tempo esposta ad attacchi e incursioni. Nota agli scrittori antichi per la sua prosperità, essa ha infatti attratto, nel corso dei secoli, non solo naviganti e mercanti, ma anche invasori e colonizzatori provenienti da Oriente e da Occidente.

A partire dalle testimonianze più remote della Preistoria il Cap Bon, come la Tunisia, ha vissuto una storia lunga e intensa, a cui hanno partecipato diversi protagonisti: Punici, Romani, Arabi, Turchi, Spagnoli, Francesi; una storia in cui s’intrecciano l’elemento locale, berbero, e le civiltà avvicendatesi in questa terra di collegamento tra Africa ed Europa e tra Mediterraneo occidentale e Mediterraneo orientale.

Epoca del Protettorato francese
La storia contemporanea della Tunisia è segnata dalle lotte che il movimento riformista, poco prima del Protettorato fancese, e quello nazionalista,...
Il periodo punico
Con la progressiva crisi dei commerci fenici sotto la pressione tributaria dei Babilonesi e la caduta di Tiro nel 572 a.C., la colonia fenicia di...
Preistoria e Protostoria
  Nelle regioni del Nord Africa è stato possibile ricostruire la sequenza delle culture preistoriche nelle sue linee generali. Per quanto...
Dall'indipendenza a oggi
  Il 20 marzo 1956 viene sancita l’indipendenza della Tunisia. Alle elezioni dell’8 aprile, dopo la netta vittoria del Fronte popolare (alleanza...
Il periodo vandalo
All’inizio del V secolo le autorità romane non sono più in grado di controllare l’Africa del nord: le difficoltà economiche e sociali unite ai...
Gli Hafsidi
  La dinastia berbera musulmana degli Hafsidi governò l'Ifriqiyah dal XIII al XVI secolo (dal 1229 al 1574). Trae il nome da Abu Hafs Omar,...