La domus del Viridarium a nicchie a Pupput

 

Seconda metà del IV secolo.

Gran parte di questa antica dimora è stata danneggiata durante la costruzione di un hotel, nella zona sud ovest del parco archeologico di Pupput. I resti ancora visibili si trovano all’interno del recinto dello stesso hotel. La particolarità della casa era rappresentata dal peristilio di forma trapezoidale, con viridarium  centrale, circondato da otto nicchie diverse per dimensioni e orientamento, forse perché derivanti da un adattamento di un impianto di epoca precedente. Dal vano d’ingresso, con pavimento musivo, e fiancheggiato da due ambienti a pianta irregolare, si accede direttamente al peristilio ed al viridarium. Le nicchie erano decorate con mosaici rappresentanti scene marine, volatili, un combattimento tra galli, due fenicotteri affrontati tra rami di rosa. Le gallerie del peristilio recano invece una pavimentazione mosaicata con xenia circondati da corone d’alloro. Dal lato est del peristilio si accede a tre ambienti, probabilmente dei cubicula, pavimentati con mosaici a motivi geometrici, mentre sul lato sud si apre l’ambiente interpretato come triclinium, con pavimento musivo decorato con soggetti di genere.